Collegati con noi

Wine&Food

Consegnate a Villa Lucrezio a Posillipo le fasce dell’Ordine Internazionale dei Discepoli d’Auguste Escoffier

Pubblicata

il

escoffier foto 1

NAPOLI – Cerimonia a Villa Lucrezio a Posillipo, dove, con l’organizzazione del delegato per la Campania, il cavaliere e chef executive Nicola Di Filippo, sono state consegnate le prestigiose fasce dell’Ordine Internazionale dei Discepoli d’Auguste Escoffier. La cerimonia di intronizzazione svoltasi nel locale di via Lucrezio Caro a Napoli, nel celebrare il nuovo gruppo di chef campani e professionisti con il titolo legato alla memoria del famoso maestro della gastronomia francese e internazionale, ha ancora una volta posto in primo piano il blasonato “Ordre”. Lo stesso che dal 1954 opera nel segno della cultura gastronomica e della cucina elevata a scienza. Durante un cerimonia animata da tanti ospiti, tra cui il Presidente Zona Europa e Vice Presidente Internazionale Pierre Alain Favre, attualmente anche Presidente Pro tempore dell’Italia (in attesa della nomina del nuovo Presidente che sostituirà Francesco Ammirati anch’egli presente all’evento) il Segretario Antonio Torcasso, il Segretario generale per la Campania Tina Bianco e il Presidente della delegazione della Borgona Mario Vino, a ricevere, per il nuovo capitolo, la prestigiosa fascia sono stati per la neonata categoria delle “professioni nel campo della ristorazione” contrassegnata con il colore viola, i sommelier maitre dell’Associazione Noi (Nuova Ospitalità Italiana) Daniele Dima referente provincia di  Cosenza “Calabria”; Gerlando Lorenzano referente Sicilia orientale e Gerardo Panzarini Vice Presidente Nazionale. Fascia viola anche alla direttrice maitre Giuseppina Raia e ai direttori Giuseppe Fraia e Raffaele Cuccurullo della struttura ospitante Villa Lucrezio. A ricevere le ambite fasce speciali di colore blu per i loro meriti in campo professionale e culturale, sono stati il giornalista, critico enogastronomico e addetto stampa dei Discepoli Escoffier Delegazione Campana, Giuseppe Giorgio; la scrittrice Laura Travaini e l’imprenditore Gaetano De Filippo. L’unica fascia verde per questo capitolo Escoffier è stata assegnata all’imprenditore del settore carni Francesco Palma. A ricevere le fasce arancioni per la categoria giovani talenti sono stati i due allievi dell’Istituto Duca Buonvicino: Alessandro Gallo e  Francesco Pio Strazzullo giunti  con la dirigente scolastica, professoressa Carmela Musello. Le fasce rosse, emblema dei Cuochi o Chef, sono state consegnate a 52 nuovi discepoli: Celestino Diamantini chef patron dell’Hotel La Pineta ed alle chef patronne Carmela Scicchitano e Maria Scicchitano. Ancora, giunto per l’occasione direttamente dall’Inghilterra, a meritare la fascia rossa di chef patron è stato Enzo Fiore del noto Ristorante “‘O Curniciello”, di Lancing, West Sussex. Con lui, ad ottenere la preziosa fascia rossa, sono stati anche il pasticcere Ciro Poppella, famoso per i suoi “fiocchi di neve”, lo chef patron Gennaro Tommasino del Ristorante Bellini, il noto maestro panificatore Rodolfo Molettieri e ancora gli chef, Diodoro Barbato, Vincenzo Stingone, Ciro Canale, George Bodgdan, Daniele Mancini, Rocco Festa, Michele Nappi, Antonio, Scialla, Giovanni Minopoli, Giacomo Luongo, Alessandro Vallifuoco, Umberto Giordano, Salvatore Raiola, Gianluca Peranio, Daniele Bracuto,Tommaso Perruolo, Andrea Vittore, Rinaldo Quarata, Ciro Formisano, Italo Schipani, Vincenzo Di Tocco, Rita Costabile, Mariangela D’Aurizio, Fabiola Garofalo, Rosalba Marte, Flira Merucci, Miriam D’Angelo, Maria Rosaria Mazzone, Alessandro Angiola, Luigi Caponi, Paolo Piambelli, Alessio Felice Fralicciardi, Alfonso Gentile, Gennaro Primicero, Mario Tarantino,Vincenzo Grassi, Domenico Cinotti, Vincenzo di Cristo, Vincenzo Gaudino, Luca Vaccaro, Rosita Merli, Pasqualina Lazari ed Enza Barbaro. A completare la serata nel segno della cultura non solo gastronomica, l’apprezzato violinista Internazionale Ciro Formisano e i giornalisti Angelo Cerulo, responsabile Ansa Napoli, Roberto Esse, Diego Paura e Serena Giorgio. Oltre agli ospiti Emma Scaravilli e Alberto Galluffo dalla Sicilia, a rappresentare gli sponsor, infine, sono pure arrivati Gianni Albano del Parco Commerciale Azzurro, insieme a Francesco D’Alterio, al Panificio Maestà in Melito di Napoli, la Centenaria Pasticceria Capriccio di Raffaele Capparelli, la Pasticceria Poppella, Bianco Baccalà, Goeldlin abiti da lavoro, il Caseificio Terracciano e l’Antico Portone di Villaricca. Tra i vari momenti della cerimonia emozionante è stato quello dedicato alla memoria dello scomparso e amato discepolo chef Nicola Ricci con una targa consegnata alla figlia Rossella.

Continua a leggere
0
Would love your thoughts, please comment.x