Collegati con noi

Avellino

Ospedali e case di comunità in Valle Caudina: finalmente una svolta

Pubblicata

il

roccabascerana

ROCCABASCERANA, Avellino – Le giuste e ripetute proteste di gran parte degli abitanti della Valle Caudina che avevano lamentato la mancata collocazione di ospedali e case di comunità nei comuni irpini della Valle, dopo l’incontro organizzato a Roccabascerana il 9 aprile us, al quale oltre al Sindaco di Rocca e Pannarano, intervennero anche l’on.le Giuseppe De Mita e il Presidente della V Commissione Sanità della Regione Campania, on.le Vincenzo Alaia, anche grazie alla competenza ed al senso di appartenenza al territorio di alcuni cittadini, hanno consentito la presentazione di un progetto, denominato  RAPP – Casa di Comunità La Salute al Centro-Il progetto è stato presentato dalla costituenda ATS tra i comuni di Roccabascerana (Capofila) , Pannarano, Arpaia, Paolisi e si propone di sviluppare, nell’area della Valle Caudina, area periferica rispetto alle competenze territoriali delle ASL di Avellino e Benevento, ma punto di incrocio delle tre province di Avellino, Benevento e Caserta, un “sistema” di presidi sanitari territoriali, ovvero un servizio assimilabile a Casa di Comunità che offra consulenze polispecialistiche, permettendo l’accesso a diversi servizi di base. Il progetto prevede l’allestimento di un ambulatorio in ogni Comune della ATS che ospiterà gli specialisti in maniera itinerante secondo un calendario predeterminato. Saranno attivati, inoltre, dei servizi di cura domiciliare e di teleassistenza e telemedicina per monitorare ed avere in cura costante una platea di cittadini, prevalentemente anziani, dislocati su un territorio ampio ed a bassa densità abitativa. In tal modo il progetto consente una riduzione delle ospedalizzazioni, riduce la povertà sanitaria, facilita l’accesso alle prestazioni sanitarie e agevola il monitoraggio dello stato di salute dei cittadini. Il progetto si realizza in immobili comunali agibili, impiegando le risorse per infrastrutturazione tecnologica (attrezzature diagnostiche) in dotazione ai territori e prestazioni sanitarie e assistenziali. All’uopo è previsto uno stanziamento iniziale di un milione di euro.

 Roberto Del Grosso, Sindaco del Comune di Roccabascerana – capofila – si è detto entusiasta del progetto che se in porto, consentirà di allocare uno dei presidi proprio nella cittadina, in alcuni locali del centro arte e cultura di Cassano Caudino.

Continua a leggere
0
Would love your thoughts, please comment.x